venerdì 23 dicembre 2011

Interventi urgenti in materia di malattie epatiche : accolta la richiesta dei malati per la istituzione della “Liver Unit”, o Unità di Epatologia


Federazione Nazionale Liver-Pool, onlus

La Liver-Pool è la Federazione Nazionale delle Associazioni di Volontariato per le Malattie Epatiche ed il Trapianto di Fegato. La Liver-Pool è iscritta all’Anagrafe unica delle Onlus (n° 45979 del 14.03.2005).
DOPO ANNI DI BATTAGLIE CONDOTTE DALLA FEDERAZIONE NAZIONALE LIVER POOL NASCE "LIVER UNIT"


IL PRIMO PASSO DELLA POLITICA PER L'ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE
A SOSTEGNO DEI MALATI DI FEGATO NELL'UNITA' DI EPATOLOGIA
DISEGNO DI LEGGE
d’iniziativa del senatore Stefano DE LILLO
Presentato in data 16 dicembre 2011; annunciato nella seduta n. 649.

mercoledì 1 giugno 2011

Chiesa S. Francesco Iglesias : Omelia cebrazione S.Messa dedicata in particolare ai donatori di organi

IGLESIAS DOMENICA 29 MAGGIO 2011

Il senso di questa Giornata del Donatore d'organi, ci viene dall'esempio di Cristo, che afferma:

"Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Giov.15,13).

La Redenzione, infatti, si muove in questa sostituzione di persona: Cristo, con la sua Resurrezione, ha trapiantato in ciascuno di noi la sua Vita. "Egli, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio, ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; "(Filippesi 2,6-11)

Questo abbassamento di Cristo si traduce in rito nella lavanda dei piedi, con l'avvertimento: " Dunque, se io, Signore e Maestro, vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri. Io vi ho dato l'esempio perché facciate come io ho fatto "
(Giovanni 13,14-15)

Cari donatori,.- siete sulla strada dell'incontro con Cristo, e l'avete incontrato giacché il suo volto passa attraverso quello di qualsiasi altro fratello, specie se sofferente: aprite anche voi , come me, gli occhi interiori affinché non ci capiti, come avvisa S.Agostino: 'Temo il Signore che passa!", cioè "temo di non accorgermi del passaggio del Signore ", " temo di non accorgermi del passaggio nella mia vita del prossimo nel quale è il Signore. "Ogni volta che avete fatto questo anche al più piccolo dei fratelli l'avete fatto a Me "

Ogni gesto,quindi, per diventare meritorio va finalizzato spiritualmente; infatti la profonda identità e sublimità del donatore d'organi, sta nel fatto che "dà la vita per qualcuno che gli è sconosciuto ", e si configura come il dono complessivo di se stesso, senza alcun tornaconto., rimane gratuito e libero , atto genuino d'Amore.

La cultura della vita inizia con quella "del dono e della solidarietà" e conosce una gradualità entro la quale ci si educa all'alterità: la cura dell' approccio, lo sguardo, il sorrisola mano tesa, un'attenzione solidale, un accompagnamento morale o fisico, la condivisione di beni materiali, ...e tutto diventa "dono di grazia ".

I donatori d'organo partecipano, così, come ad una nuova creazione, protagonisti d'una eccezionale corsa a staffetta per la Vita, senza che la privazione sminuisca l'integrità corporea .Rinunciano alla loro integrità fisica per condividere una parte irrinunciabile di se stessi.

Buona è l'immagine dell'innesto, così come in natura si manifesta: dalla ferita rinasce la vita, la nuova gemma viene accolta nel taglio di quell'albero che sembrava destinato alla sterilità e rifiorisce e fruttifica.

"Il trapianto d'organi- riferisce il Catechismo universale della Chiesa Cattolica - è conforme alla legge morale e può essere meritorio se i danni e i rischi fisici e psichici in cui incorre il donatore sono proporzionati al bene che si cerca per il destinatario" (CCC.2296).

"Con l'avvento del trapianto d'organi, iniziato con le trasfusioni di sangue, l'uomo ha trovato il modo di donare parte di sé, del suo sangue e del suo corpo, perché altri continuino a vivere. Siamo sfidati ad amare il nostro prossimo in modi nuovi; in termini evangelici, ad amare "sino alla fine" (Giov. 13, 1) ... Il progresso delle scienze biologiche ha reso possibile alle persone di proiettare oltre la morte la loro vocazione all'amore" (Giov.Paolo 2°: 21.06.1991).

La nobiltà e la specificità del donatore d'organi sta,quindi, nel fatto che non si dona qualcosa di proprio, £la penna, l'anello...) ma una parte vitale di sé, in piena gratuità. Di conseguenza ogni prassi tendente a commercializzare gli organi umani risulta moralmente inaccettabile, poiché, l'utilizzo oggettuale del corpo, viola la stessa dignità della persona. Da qui la necessità di un consenso informato, atto di libero consenso. Il trapianto, in effetti, presuppone una decisione anteriore, esplicita, libera e consapevole.

Il vantaggio che il ricevente trae dal donatore non si configura come il classico mors tua vita mea, ma come vita tua vita nostra, assommando i due in un misterioso abbraccio .

.(Giov.Paolo 2°,21.06.1991)

Proseguite così a guardare l'ampio orizzonte interiore di questo nobile scambio, cogliendo in modo sempre più meditato la valenza spirituale della donazione, e vivendola nell' atteggiamento di Fede.

Lo Spirito Santo vi rafforzi in questo proposito, facendo sì che tutta la vostra vita, risulti una partecipazione all'opera creativa dell'unico Creatore e Provvidenza.

Don Gabriele Atzei


   

domenica 24 aprile 2011

Lettera Alle Accademie di Belle Arti Italiane

 
 

Alle Accademie di Belle Arti Italiane

Loro Sedi

 
 

e p.c.

 
 

MINISTERO DELLA SALUTE

 
 

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA

 
 

CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI

 
 

CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Sardegna

 
 

PRES. GIUNTA REGIONALE Sardegna

 
 

PRES. CONSIGLIO REGIONALE Sardegna

 
 

ASS.RE REGIONALE. SANITA' Sardegna

 
 

ASS.RE REGIONALE ALLA CULTURA Sardegna

 
 

Direttore Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale della Sardegna

 
 

ANCI NAZIONALE

 
 

ANCI REGIONALE Sardegna

 
 

Presidente Provincia CARBONIA IGLESIAS

 
 

SINDACO DI CARBONIA

 
 

SINDACO DI IGLESIAS

 
 

Direttore Generale ASL 7 Carbonia

 
 

Coordinatore Trapianti ASL 7 Carbonia

 
 

FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI SARDE IN ITALIA

 
 

Oggetto:
Arte per la Vita"Alessandro Ricchi" :

rassegna di pittura per giovani studenti Accademie Belle Arti d'Italia

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

L'Associazione "Remo Branca", in sinergia con l'Associazione Sarda Trapianti "Vita Nuova", intitolata al compianto cardiochirurgo Alessandro Ricchi suo fondatore, indice una rassegna di pittura rivolta ai giovani studenti delle Accademie di Belle Arti d'Italia, da tenersi nella città di Iglesias presso le sale espositive dell'Associazione, in occasione della celebrazione delle manifestazioni dell'Ottobrata Iglesiente per promuovere la cultura della Donazione e Trapianto di organi.Si vuole in questo modo catalizzare l'attenzione verso il valore della vita e della solidarietà e nel contempo valorizzare le giovani promesse dell'Arte Italiana.

Il presente progetto "Arte per la Vita" si colloca all'interno delle finalità delle campagne nazionali , prendendo spunto e forza anche dal grande artista Remo Branca, figura eccezionale di uomo e di artista che espresse le sue poliedriche doti fin da giovane.

La città di Iglesias non è nuova alla valorizzazione dei giovani artisti. Per dieci anni il locale "Rotary Club" ha ospitato nel nostro territorio gruppi di studenti di diverse Accademie Italiane, impegnandoli nella esecuzione di grandi dipinti che campeggiano in sedi di rappresentanza dei diversi comuni dell'Iglesiente.

L'Associazione Sarda Trapianti sin dalle prime campagne nazionali ha promosso numerose iniziative nelle scuole del Sulcis Iglesiente coinvolgendo gli studenti del liceo artistico e gli artisti Iglesienti e della Città di Cagliari.

 
 

Pertanto si invita la S/V a selezionare due studenti al fine di partecipare alla rassegna.

I giovani artisti possono liberamente interpretare la tematica: "IL VALORE DELLA VITA"

.

Ogni artista presenterà una sola opera che non dovrà superare le dimensioni di cm 60 x 80 e non dovrà essere incorniciata.

 
 

Sarà editato un catalogo di tutte le opere esposte.

 
 

La rassegna sarà pubblicizzata dai maggiori canali di informazione.

 
 

Gli elaborati dovranno pervenire entro il 15 SETTEMBRE 2011 al seguente indirizzo:

ASSOCIAZIONE REMO BRANCA – VIA ROMA 68 – 09016 IGLESIAS - CI

 
 

La rassegna si protrarrà ad Iglesias per tutto il mese di ottobre 2011 e, dopo l'esposizione delle opere, è già in programma una mostra itinerante presso le città della Sardegna e del'Italia a partire dalla gemellata città di Pisa.

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

La spedizione delle opere, sia per l'andata che per il ritorno, saranno a carico dei proponenti e dovranno essere imballate in modo adeguato al trasporto.

I proponenti la rassegna declinano ogni responsabilità per eventuali danni subiti dalle opere durante il trasporto.

 
 

 
 

 
 

Il Presidente                                  Il Presidente

Associazione Remo Branca                 Associazione Sarda Trapianti

(Piergiorgio Barranca)                         (Giampiero Maccioni)

                                    
 

 
 

 
 

Cel.338.9272566                                Cel.347.6106054

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

Iglesias 11 Aprile 2011

 
 

 
 

Allegati.

  • Progetto Arte per la Vita"Alessandro Ricchi"
  • Curriculum Associazioni

 
 

 
 

Segreteria Organizzativa:

 
 

  • ASSOCIAZIONE CULTURALE REMO BRANCA

VIA ROMA, 68 - ex Scuole Elementari Maschili - IGLESIAS (C I)

E.mail: remobranca.ass@tiscali.it - http://www.remobranca.org/index.htm

 
 

  • ASSOCIAZIONE SARDA TRAPIANTI "Alessandro Ricchi"

Via Cattaneo,36 - 09016 Iglesias - Tel/fax 0781.30067

E.mail: ass.sardatrapianti@tiscali.it - www.associazionesardatrapianti.org

http://www.facebook.com/group.php?gid=62162300128&ref=ts


  

giovedì 31 marzo 2011

Donazione e Trapianto IL RUOLO DEL VOLONTARIATO

Sardegna1 - Arasolè 2010 Donazione Trapianti parte 2 :LA MORTE CEREBRALE

Nel mese di maggio di ogni anno si celebrano in tutta italia le Giornate Nazionali sulla Donazione e Trapianto di organi sotto il patrocinio del Presidente della Repubblica.

Le campagne nazionali di comunicazione e promozione della cultura della donazione , realizzate dal 2000 ad oggi, hanno contribuito a diffondere una corretta informazione e a sensibilizzare la popolazione sul tema della donazione e del trapianto di organi, tessuti e cellule.
Tutto ciò, al fine di favorire una maggiore consapevolezza sull'importanza di sottoscrivere la dichiarazione di volontà sulla donazione degli organi e dei tessuti dopo la morte e far accrescere la conoscenza sui benefici del trapianto.

Nel 2010, accanto al prosieguo dei progetti avviati negli scorsi anni, come il progetto dei Comuni d'Italia (Un dono per la vita) e il progetto dedicato alle scuole secondarie (TVD- Ti Voglio Donare), sono state introdotte due nuove iniziative: la prima, dedicata ai bambini delle scuole primarie (Salvo e Gaia) mentre la seconda è dedicata ai cittadini (Cittadini si nasce, donatori si diventa!). Il 30 maggio 2010 la Giornata nazionale per i trapianti di organi, tessuti e cellule, caratterizzata dallo slogan "Un donatore moltiplica la vita", accompagnata da iniziative e eventi nel corso di tutta la settimana antecedente.Le Campagne di comunicazione sono promosse dal Ministero della Salute e dalle Associazioni di settore (ACTI -- ADMO -- AIDO -- AITF -- ANED -- FORUM -- FEDERAZIONE LIVERPOOL -- ASSOCIAZIONE MARTA RUSSO).

La Sardegna conferma la sua atavica generosità nella donazione degli organi ma diminuiscono le donazione ed i trapianti.

Con il prezioso contributo lasciatoci in eredità dalla pregevole esperienza positiva delle trasmissioni televisive realizzate alla fine del 2004, e vista la collaborazione di molte scolaresche alle giornate nazionali del 2005 e 2006, nel 2007 la Campagna nazionale a favore della donazione e del trapianto è stata destinata in particolare agli studenti delle scuole medie superiori, con una proficua attività di informazione e di discussione che coinvolga studenti e docenti degli istituti della Sardegna.

L'Associazione Sarda Trapianti "Vita Nuova", intitolata al compianto cardiochirurgo Alessandro Ricchi suo fondatore, ha proseguito l'azione promozionale, come nel passato, utilizzando il mezzo televisivo : promuovendo, come nel caso di Sardegna 1, la trasmissione del mercoledì sera intitolata"ARASOLE'" e diretta da Carmina Conte, valente ed apprezzata giornalista e conduttrice televisiva delle emittenti sarde che affronta sin dagli anni novanta la problematica della donazione e trapianto.
Giampiero Maccioni
Presidente Associazione Sarda Trapianti "Alessandro Ricchi"
Consigliere Nazionale Federazione LIVER POOL
Via Cattaneo,36 - 09016 Iglesias -- tel.fax 0781.30067
cell.3476106054
http://wwwassociazionesardatrapianti.blogspot.com/

mercoledì 30 marzo 2011

"DIFENDI LA PATRIA DAI VALORE ALLA VITA" Regione Sardegna


CAMPAGNA DI INFORMAZIONE E PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA DONAZIONE E TRAPIANTO DEGLI ORGANI, TESSUTI E CELLULE TRA IL PERSONALE DELLE FORZE ARMATE
Regione SARDEGNA
Protocollo d’intesa tra Ministero della Difesa e della Salute del 7.11.2007

La campagna di informazione comincia il 6 Aprile 2011 presso l’ AULA MAGNA del 1° Reggimento Corazzato della Caserma S.Pisano di Teulada, dipendente dal Comando Militare Autonomo della Sardegna non nuovo a questo tipo di iniziativa che ha origine con il convegno del 7 maggio 2007 alla Fiera Internazionale di Cagliari: un appuntamento che ha visto la sinergia di intenti e antesignano di prospettive future fra il Comando Militare Autonomo della Sardegna, l'Unione Nazionale Ufficiali in congedo - sezione di Iglesias e l’ ASSOCIAZIONE SARDA TRAPIANTI "Alessandro Ricchi".

Il "valore della vita" quindi al centro dell'appuntamento: da quella da difendere, come fanno quotidianamente i militari impiegati nelle azioni di peacekeeping per il mantenimento della pace, a quella da salvare con la donazione e il trapianto degli organi.

Come ha dichiarato alla fine dello scorso anno il Dott. Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti, nel 2010 in Italia si è registrata una diminuzione del numero dei donatori d'organo utilizzati, un calo che si attesta attorno al 7,1%. Secondo i dati preliminari al 31 ottobre, questi sono infatti passati dai 1.167 del 2009 ai 1.085 dell'anno in corso. Analoga situazione di calo delle donazioni e trapianti si è realizzata in Sardegna.

Le cause dell'arresto del trend positivo delle donazioni sono diverse, data la complessità del processo di donazione e trapianto, che coinvolge molteplici settori della sanità. Si impone quindi uno sforzo ulteriore sia a livello strutturale-organizzativo sia a livello tecnico degli operatori sanitari e parimenti occorre mobilitare enti locali, cittadini e associazioni di volontariato per proseguire e potenziare le campagne di promozione ed informazione in tutti cittadini, compresi quelli che operano nelle Forze Armate.

Tutto ciò premesso si è programmato un piano di conferenze all’interno delle caserme che illustri la situazione delle donazioni e dei trapianti in Italia ed in Sardegna e le modalità per realizzare la dichiarazione di volontà al dono degli organi,dei tessuti e delle cellule.

Al primo convegno di Teulada faranno seguito gli altri appuntamenti nelle caserme della Brigata Sassari che con “l’orgoglio di appartenere" e "Difendi la Patria, dai valore alla vita", saranno un felice connubio per approfondire i temi della rinascita della vita con la donazione ed il trapianto di organi.

A partire dalla metà di Aprile p.v., dopo l’incontro presso la Caserma Comando della Brigata, faranno seguito gli altri convegni nelle sedi dei Reggimenti di Sassari, Macomer,Cagliari e Teulada. L’organizzazione degli eventi è in corso di avanzata elaborazione e le date saranno comunicate nel giro di una decina di giorni.

E’ previsto, come negli anni passati, anche un incontro con gli allievi carabinieri della Scuola di Iglesias.

Saranno presenti a tutti i convegni, in qualità di relatori esperti nel settore sanitario della donazione e del trapianto di organi, i responsabili del Centro Regionale Trapianti ed i coordinatori locali dei trapianti delle ASL dei vari territori. Vari testimonial trapiantati comunicheranno la loro esperienza di pazienti rinati a vita nuova.

Infine si uniranno ai giovani militari, laddove ciò è possibile, gli studenti delle scuole medie del territorio.
A tutti i partecipanti sarà distribuito materiale informativo ed in particolare ai militari verrà chiesto di sottoscrivere la dichiarazione di volontà con l’apposito modulo predisposto dal Ministero della difesahttp://www.difesa.it/NR/rdonlyres/4630BAD8-6E0E-46BA-8443-2C7131B3509B/15977/modulodiadesione.pdf . Il modulo di adesione, debitamente compilato, sarà consegnato al Comando di appartenenza per essere inserito nel fascicolo personale.

Sono stati invitati a partecipare anche il Sottosegretario alla Difesa On.Giuseppe Cossiga, il Direttore del Centro Nazionale Trapianti, Dott.Alessandro Nanni Costa e l’Assessore Regionale alla Sanità On.Dott.Antonello Liori.
S.Ten.Giampiero Maccioni

Cell.347.6106054
Presidente Sezione UNUCI Iglesias
Presidente Associazione Sarda Trapianti
Consigliere Nazionale Federazione LIVER POOL

http://wwwassociazionesardatrapianti.blogspot.com/2009/11/difendi-la-patria-dai-valore-alla-vita.html